Questo sito contribuisce alla audience di

Luzon

isola (104.687 km², ma 108.172 km² con le isole minori che le sono unite amministrativamente; 39.500.000 ab.) delle Filippine, la più estesa e la più popolata dell'arcipelago, situata tra il Mar Cinese Meridionale e l'Oceano Pacifico. Essenzialmente montuosa, è caratterizzata da tre lunghe dorsali disposte in senso meridiano: la Sierra Madre a E, la Cordigliera Centrale al centro e i monti Zambales a W; numerosi sono i vulcani attivi, tra cui il Taal, il Mayon, il Bulusan e l'Isarog. Le coste sono in genere alte e articolate in golfi e penisole, soprattutto nei settori occidentale e meridionale (baie di Lingayen, Manila, Ragay e Lamon; penisola di Camarines). Numerosi ma brevi i corsi d'acqua, tra i quali il Cagayan, il Pampanga e l'Agno. Il clima è di tipo tropicale, con elevate temperature tutto l'anno e copiose precipitazioni. L'attività economica più importante è quella agricola: come in tutto il Sud-Est asiatico, il riso è la coltura prevalente, praticata sia nelle scarse pianure sia nei campi terrazzati sulle zone montuose; segue il mais, cui spesso è associata la coltivazione di altri prodotti, quali tabacco, canna da zucchero e palma da cocco. Una certa diffusione ha la coltivazione dell'abaca, o canapa di Manila, una fibra utilizzata per fabbricare cordame. La maggior parte della popolazione attiva si dedica oltre che all'agricoltura e all'allevamento del bestiame (bovini, in particolare) anche alla pesca lungo le coste, lungo i fiumi, nelle paludi, laghi e risaie. Sfruttato è il consistente patrimonio forestale, composto da numerose varietà di notevole valore commerciale, fra cui la qualità migliore è il cosiddetto "mogano filippino". La produzione di legname viene in parte utilizzata localmente per compensati e per la fabbricazione di mobili, in parte esportata. L'isola gode di una discreta ricchezza mineraria (manganese, nichel, ferro, cromite, rame, oro), ma l'industria estrattiva ha avuto impulso solo di recente. Circa la metà della forza lavoro delle Filippine addetta all'industria è impiegata nell'area intorno a Manila e un altro 20% in province adiacenti all'area metropolitana o comunque in zone da essa dipendenti. Le industrie riguardano prevalentemente i settori tessile, dell'abbigliamento, del mobilio, calzaturiero, alimentare, del tabacco, ma cominciano ad affermarsi industrie meccaniche, specialmente quelle di montaggio, farmaceutiche e chimiche. Anche il settore turistico ha registrato un recente sviluppo positivo. Città principali sono: Manila, Quezon City, Tarlac, Batangas, Legazpi, Dagupan, Pasig e Baguio. § Centro della storia e delle attività politiche delle Filippine, l'isola è stata la sede del movimento rivoluzionario degli hukbalahap. Durante la II guerra mondiale subì come il resto dell'arcipelago l'invasione giapponese. Gli Americani vi sbarcarono nell'ottobre del 1944 e la liberarono completamente nel giugno 1945.

Media


Non sono presenti media correlati