Questo sito contribuisce alla audience di

Māra

demone e capo di una schiera di demoni nella tradizione buddhista. È la personificazione della “morte” intesa nella sua incapacità d'interrompere la catena delle esistenze (saṃsāra) e dunque, attivamente, come un ostacolo alla liberazione. Spirito del Male e dio della Morte, Māra è divinità centrale nella rappresentazione degli episodi leggendari della vita del Buddha storico Sākyamuni. Māra è il demone tentatore che ostacola, vanamente, l'avvenimento dell'Illuminazione di Buddha, che attende il realizzarsi della perfezione ai piedi dell'albero (fico) dell'Intelligenza. Contro il Buddha Māra scaglia prima il suo esercito di esseri mostruosi e poi manda le sue giovani figlie che provano tutte le arti della seduzione per turbare l'attesa del Maestro, che riesce vittorioso dagli assalti dei primi e dalle insidie delle seconde. Il tema con la rappresentazione dell'Assalto di Māra è uno dei più noti nell'arte del buddhismo, fin dalle convenzioni iconografiche della scuola del Gandhara e dalle interpretazioni stilistiche delle tradizioni figurative centroasiatiche.

Media


Non sono presenti media correlati