Questo sito contribuisce alla audience di

Mamùrio Vetùrio

(Mamuríus Veturíus). Mitico personaggio della tradizione romana. Era ricordato come un fabbro a cui il re Numa aveva ordinato la costruzione delle copie di un “ancile” (scudo di forma particolare) inviato da Giove come pegno della potenza romana. Mamurio Veturio è in qualche modo connesso con il sacerdozio dei Salii che usavano ritualmente questi ancili nelle cerimonie di marzo, e con il dio Marte che dava nome al mese e al quale era rivolto il culto dei Salii. Forse proprio da Marte deriva il suo nome. Tardi calendari chiamano Mamuralia la festa del 14 marzo detta Equirria dal calendario arcaico. In questi Mamuralia Mamurio Veturio appare come una specie di “re-Carnevale” impersonato da un uomo avvolto di pelli bastonato dalla folla: quasi una cacciata dell'anno vecchio (Veturio significa appunto “vecchio”). Ciò sarebbe in relazione con l'inizio dell'anno in marzo, secondo la più antica tradizione religiosa romana.

Media


Non sono presenti media correlati