Questo sito contribuisce alla audience di

Mandarini, I-

(Les mandarins). Romanzo (1954) di Simone de Beauvoir sugli intellettuali di sinistra del periodo successivo alla Liberazione. Di essi, l'autrice analizza le speranze, le delusioni, i difficili rapporti con il Partito comunista. Assimilando gli scrittori, rispettati e disarmati nello stesso tempo, ai mandarini cinesi, il romanzo segna la fine di una concezione esistenzialistica della letteratura, ma ne costituisce anche la migliore realizzazione.

Media


Non sono presenti media correlati