Questo sito contribuisce alla audience di

Marcèllo II

(al secolo Marcello Cervini). Papa (Montepulciano 1501-Roma 1555). Chiamato a Roma da Clemente VII per continuare l'opera di correzione del calendario, familiarizzò con molti umanisti, tra cui Bembo, e si guadagnò la protezione del cardinale Alessandro Farnese (poi papa Paolo III), che gli affidò importanti incarichi di politica ecclesiastica. Cardinale nel 1539, fu poi amministratore della sede di Reggio nell'Emilia e fu legato a latere presso Francesco I di Francia e legato papale alla corte imperiale. Nel 1545 fu scelto per spartire la presidenza del Concilio di Trento con i cardinali G. M. Ciocchi del Monte e Reginald Pole. Come presidente della commissione sotto Giulio III fu costretto a ritirarsi nella sede di Gubbio avendo criticato il nepotismo papale. Nel conclave del 1555 fu eletto papa ma tenne il pontificato per soli ventidue giorni. Pier Luigi da Palestrina scrisse una celebre messa per la sua incoronazione.

Media


Non sono presenti media correlati