Questo sito contribuisce alla audience di

Mitridate II (re dei Parti)

re dei Parti detto il Grande (ca. 123-87 a. C.). Figlio e successore di Artabano II, il suo regno è caratterizzato da un'aumentata importanza politica della Partia, legata anche alla ricchezza che le proveniva dal commercio internazionale (dal confine romano alla Cina) che passava attraverso il suo territorio. Dopo aver riconquistato Babilonia ai Seleucidi e alcune province orientali ai Saci, Mitridate II fece dell'Armenia uno Stato vassallo della Partia. Ma nel 91 a. C. Babilonia cadde con la rivolta di Gotarze I, e alla morte di Mitridate II la Partia perse le province occidentali, annesse dall'Armenia. § Le sembianze di Mitridate II come del resto quelle degli altri re dei Parti, sono note solo dalle monete. Il sovrano vi compare di profilo, con vesti riccamente adorne e alta corona a cupola; i tratti fisionomici, (il naso adunco e la lunga barba) sono marcati e sottolineano l'intenzione ritrattistica dell'autore.