Questo sito contribuisce alla audience di

Montanaro

comune in provincia di Torino (29 km), 209 m s.m., 20,81 km², 5274 ab. (montanaresi), patrono: Maria Santissima Assunta (15 agosto).

Centro del Basso Canavese, nella pianura alla sinistra del tratto terminale del torrente Orco. L'abitato si estende ai lati della strada che collega Chivasso a Foglizzo. Appartenne all'episcopato di Vercelli e all'abbazia di Fruttuaria nel sec. XI, poi ai marchesi del Monferrato, dai quali fu ceduto nel 1431 ai Savoia. § Dell'epoca medievale si conservano il campanile di Santa Maria dell'Isola (sec. XIII) e una torre cilindrica; il castello fu ricostruito nel 1533 e poi trasformato in villa. Pregevoli esempi di architettura barocca sono la chiesa della Madonna di Loreto di Guarino Guarini (sec. XVII), la parrocchiale dell'Assunta (1758-65), l'oratorio di Santa Marta, il campanile (del 1769, ma modificato nel 1771 da Mario Lodovico Quarini) e il Palazzo Comunale (1772) dovuti a Bernardo Antonio Vittone. § L'industria è sviluppata prevalentemente nei settori tessile e delle confezioni; sono attive anche alcune imprese meccaniche e di produzione di laterizi. È fiorente l'allevamento di bovini da carne.