Questo sito contribuisce alla audience di

Montebèllo Vicentino

comune in provincia di Vicenza (17 km), 53 m s.m., 21,45 km², 5771 ab. (montebellani), patrono: Madonna di Monte Berico (8 settembre).

Centro situato alla destra del torrente Chiampo. Già abitato in epoca preistorica e poi romana (di quest'ultima sono state rinvenute monete, anfore e marmi), fu possesso dei conti Maltraverso dal sec. XI al XIII. Nel 1265 passò al comune di Vicenza, nel 1311 agli Scaligeri e nel 1387 ai Visconti, seguendo poi le sorti di Vicenza. Nel 1796 fu teatro di battaglia tra gli eserciti napoleonico e austriaco. § Sulla collina che sovrasta il paese sono i resti, inglobati in successivi edifici, del castello medievale, smantellato dai veneziani nel sec. XVI. Nella piazza centrale sorgono il Palazzo Comunale, con loggia del 1677, e il quattrocentesco oratorio di San Giovanni Battista. La villa Valmarana fu costruita nel 1707 e poi rimaneggiata alla metà del sec. XIX. La parrocchiale, eretta nel 1776-91, conserva una Madonna lignea del Quattrocento e dipinti del Maganza. § Importante centro industriale per la concia e la confezione delle pelli, vede operanti aziende manifatturiere nei settori elettrotecnico, meccanico, chimico, enologico, alimentare, del mobile, delle minuterie, dei minerali, delle materie plastiche, del legno, dell'abbigliamento e della lavorazione dei metalli. L'agricoltura produce cereali, ortaggi, frutta, uva (vini DOC gambellara e recioto) e foraggi; si pratica l'allevamento bovino.