Questo sito contribuisce alla audience di

Monterósso Càlabro

comune in provincia di Vibo Valentia (26 km), 310 m s.m., 18,16 km², 2017 ab. (monterossini), patrono: Madonna del Soccorso (prima domenica di luglio).

Centro del versante tirrenico delle Serre, posto nella fascia collinare dominata dal monte Coppari. Il paese fu citato per la prima volta quando la Baronia di Castelmonardo, comprendente anche Monterosso, venne assegnata in feudo alla famiglia milanese Delle Trezze, che la tenne fino al 1528. In tale anno il feudo passò ai Pignatelli di Monteleone. Fu devastato dal terremoto del 1783. § Nel centro storico, caratterizzato da stretti vicoli, sono diversi palazzi nobiliari ornati di maschere apotropaiche. La parrocchiale della Madonna del Soccorso conserva un imponente altare ligneo barocco e un ciborio marmoreo del 1561. Interessante è il Museo della Civiltà Contadina e Artigiana della Calabria, istituito nel 1983 presso il palazzo Amoroso (sec. XVIII). § L'agricoltura produce cereali, olive, uva e ortaggi. È praticato l'allevamento. Sopravvivono la tradizione della tessitura a mano di coperte e tovaglie e la lavorazione artigianale della pietra e di manufatti in vimini, canna e ferro battuto.