Questo sito contribuisce alla audience di

Notarésco

comune in provincia di Teramo (24 km), 250 m s.m., 38,10 km², 6770 ab. (notareschini), patrono: san Gennaro (21 settembre).

Centro situato nella bassa valle del fiume Vomano. Sorto intorno a un castello eretto nel sec. XI in un'area che ha restituito reperti del Neolitico, fu noto a lungo come Lotarisco o Lotaresco (dal nome del presunto fondatore Lotario). Appartenne agli Acquaviva.§ Scarsi i resti della fortezza, detta il “Civitello”. A Guardia Vomano sorge la chiesa di San Clemente al Vomano (fondata nel sec. IX, completata nel 1108 e restaurata nel 1926). Nell'interno, a tre navate, dinanzi all'abside maggiore è il ciborio in terracotta, con capitelli figurati, eseguito da Roberto di Ruggero agli inizi del sec. XII (considerato il più antico della regione) e affreschi del sec. XV.§ Nell'economia spicca l'industria del mobile. L'agricoltura produce cereali, uva da vino e foraggi; è diffuso l'allevamento bovino.

Media


Non sono presenti media correlati