Questo sito contribuisce alla audience di

Paciano (Perugia)

comune in provincia di Perugia (37 km), 391 m s.m., 16,83 km², 953 ab. (pacianesi), patrono: Natività di Maria Vergine (8 settembre).

Centro sulle colline della valle del torrente Tresa, in vista del lago Trasimeno. Fondato nel Trecento, fu dotato di castello e assegnato da Carlo IV a Guglielmo di Beaufort; conteso dagli Oddi, rimase in signoria ai Baglioni (1520) finché passò alla Chiesa. § Il paese conserva il suo antico aspetto medievale, con mura, porte ogivali, torri di cinta, stradine strette e abitazioni in pietra. Nella chiesa di San Giuseppe si trova il gonfalone del comune, opera di B. Bonfigli, mentre nella sala della Confraternita sono due tavole del Quattrocento e una Crocifissione, affresco restaurato di Francesco di Castel della Pieve. Notevole il palazzo Cennini (XII sec.) con logge rinascimentali, restaurato di recente. § L'agricoltura dà olive, cereali, tabacco e foraggi; in crescita il turismo naturalistico e l'attività agrituristica.