Questo sito contribuisce alla audience di

Pagliaro, Antonino

linguista e orientalista italiano (Mistretta 1898-Roma 1973). Professore di filologia iranica all'Università di Roma e accademico dei Lincei, si specializzò nello studio critico dei testi medio-persiani, pur occupandosi di linguistica indeuropea e romanza e in special modo di linguistica teorica; fondò e diresse la rivista Ricerche linguistiche. All'inizio della sua carriera di studioso, accolse la formulazione crociana del linguaggio; sviluppò in seguito una sua concezione, secondo la quale il linguaggio è un'estrinsecazione della libertà spirituale dell'uomo, divenendo uno degli esponenti più autorevoli della critica semantica. Scrisse: Sommario di linguistica arioeuropea (1930), Saggi di critica semantica (1953), Letteratura della Persia preislamica (1960), Storia della letteratura persiana (in collaborazione con A. Bausani, 1960), Il segno vivente (1969), Ironia e verità (1970), Forma e tradizione (1972).