Questo sito contribuisce alla audience di

Pasquier, Étienne-Denis, baróne poi duca di-

uomo politico francese (Parigi 1767-1862). Incarcerato durante la Rivoluzione, fu assai stimato da Napoleone che lo volle consigliere di Stato (1809) e gli conferì il titolo baronale. Prefetto di polizia, riuscì a mantenere l'ordine a Parigi al ritorno di Luigi XVIII di cui divenne ministro guardasigilli (1815-17) e degli Esteri (1819-21) e fu creato pari di Francia (1821). Oppositore della politica reazionaria di Polignac e di de Villèle, si legò a Luigi Filippo: fu presidente della Camera dei Pari (1830), cancelliere di Francia (1837). Nel 1842 divenne membro dell'Accademia di Francia e due anni dopo ebbe il titolo di duca. Ha lasciato importanti Memorie pubblicate postume (1893-95).