Questo sito contribuisce alla audience di

Perak

Guarda l'indice

Generalità

Stato (21.022 km²; 2.446.600 ab. secondo una stima del 2013; capoluogo Ipoh) della Malaysia, nel settore occidentale della penisola di Malacca (Malaysia Peninsulare), al confine con la Thailandia. Il territorio, affacciato a W allo stretto di Malacca con una costa bassa e spesso paludosa, comprende l'intero bacino del fiume Perak (400 km) e si eleva verso E a 2183 m nel monte Korbu. La popolazione, costituita da Malesi, Indiani e Cinesi, è dedita all'agricoltura (riso, palme da cocco), alla pesca e allo sfruttamento delle risorse forestali (caucciù) e del sottosuolo (stagno nella valle del fiume Kinta, oro, minerali di ferro, zirconio, monazite, ilmenite). Città importanti oltre al capoluogo sono Taiping, Telok Anson, Grik, Kuala Kangsar, Kampar e Port Weld.

Storia

La prima dinastia locale risale al sec. II d. C. Tributario – sino al sec. V – dell'impero indocinese di Fu-nan, il Perak cadde poi (sec. VIII) sotto la sovranità del regno di Srivijaya (Sumatra) e quindi sotto la protezione dell'impero siamese di Ayutthaya (sec. XIV). La religione islamica vi si diffuse a partire dalla prima metà del Cinquecento, quasi contemporaneamente all'installazione dei Portoghesi a Malacca. Succeduti a questi gli Olandesi, Perak subì (1650) la loro influenza finché nel 1874 gli Inglesi ne fecero un protettorato inglobandolo (1895) negli Stati Federati di Malesia (Malesia, Malaysia).

Media


Non sono presenti media correlati