Questo sito contribuisce alla audience di

Peshawar

città (988.005 ab. nel 1998) del Pakistan, capoluogo della provincia di North West Frontier, 140 km a WNW di Rawalpindi, a 320 m sulla sinistra del fiume Bar, ca. 50 km a E del passo Khyber. Di impronta tipicamente musulmana, con numerose costruzioni di legno, è prevalentemente centro di frontiera e grande mercato di prodotti agricoli e dell'artigianato (tappeti, pelli, lana, metalli preziosi, armi); industrie meccaniche, tessili e alimentari. Università (1950). Aeroporto. § Antichissima città (Puruṣapura), era già menzionata nella letteratura sanscrita e fu poi citata da Strabone, Arriano e Tolomeo. Compresa nel regno del Gandhāra, capitale di Kaniṣka (sec. I o II d. C.), importante centro buddhista, Peshawar fu occupata tra il sec. XV e il XVI dai Paṭhān, e fu sempre (fino a tempi recenti) un focolaio di ribellioni separatiste. Nel sec. XVIII fu capitale dei domini dei Durrānī, nel 1834 passò ai Sikh; nel 1849 venne occupata dagli Inglesi. Conserva molti edifici religiosi e civili costruiti tra il sec. XVII e il XIX.

Media

Peshawar.