Questo sito contribuisce alla audience di

Pontécchio Polésine

comune in provincia di Rovigo (7 km), 5 m s.m., 11,47 km², 1516 ab. (pontecchiani), patrono: sant’ Andrea (30 novembre).

Centro situato nel medio Polesine, alla destra del Canal Bianco. Di origine romana (Ponticulus), fu possesso dei vescovi di Adria e nel 1183 passò a G. Marchesella, che lo munì di un castello. Fu quindi sotto la signoria degli Estensi che gli concessero privilegi confermati da Venezia nel 1474. Si chiamò Pontecchio fino al 1929. Nell'abitato sorge la parrocchiale di Sant'Andrea, medievale ma più volte restaurata, che custodisce due statue di P. Baratta (sec. XVIII). § L'economia si basa sull'agricoltura (cereali, barbabietole da zucchero, uva, ortaggi, frutta, foraggi), l'allevamento bovino e il comparto manifatturiero, attivo nei settori tessile, dell'abbigliamento, della lavorazione del legno e dei metalli.

Media


Non sono presenti media correlati