Questo sito contribuisce alla audience di

Popov, Evgenij Anatol'evič

scrittore russo (Krasnojarsk 1946). Nel 1979 organizzò insieme ad altri intellettuali e scrittori l'uscita di Metropol, un almanacco di opere proibite, a causa del quale venne espulso dall'Unione degli scrittori per esservi riammesso solo nel 1988. Scrittore amatissimo in patria per i suoi legami con la grande tradizione satirico-grottesca della letteratura russa, congelato per molti anni insieme ai migliori talenti della nuova generazione di scrittori, come Iskander ed Erofeev, Popov disegna una ricca galleria di personaggi balordi e sprovveduti, teneri e lirici, molto russi e nel contempo universali in quanto metafore della difficoltà di vivere e della difficoltà dei rapporti fra gli uomini. Pubblicato su numerose riviste a partire dal 1985, Popov ha iniziato dopo quella data a raccogliere in volume i suoi numerosi racconti: In attesa di un amore non fedifrago (1989), La bellezza della vita (1989), Strane coincidenze (1990).

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti