Questo sito contribuisce alla audience di

Ratdolt, Erhard

tipografo tedesco (Augusta 1447-1527 o 1528). Xilografo ad Augusta, si stabilì a Venezia nel 1476 aprendovi (in società con Bernhard Maler e Peter Löslein fino al 1478) una tipografia che esordì con le edizioni italiana e latina del Calendario del Regiomontano, primo tentativo di dare al libro un frontespizio come modernamente si intende. I prodotti del Ratdolt furono tra i più insigni esempi di architettura tipografica dell'età degli incunaboli; artisticamente notevolissimi anche i suoi libri figurati quali l'Opus elementorum in artem Geometria di Euclide (1482), con 400 diagrammi geometrici e figure astronomiche, per la prima volta impressi tipograficamente; la Sphera Mundi di Giovanni Sacrobosco (1485), con illustrazioni colorate; l'Astronomicon di Igino (1482 e 1485). Tornato in patria, vi pubblicò soprattutto opere liturgiche, quali l'Obsequiale (1487) e il Messale Aquileiense (1494), ma anche opere profane tra cui la Chronica Hungarorum (1488) adornata da magnifiche xilografie.

Media


Non sono presenti media correlati