Questo sito contribuisce alla audience di

Regiomontano

(latino Regiomontanus), pseudonimo dell'astronomo e matematico tedesco Johann Müller (Königsberg 1436-Roma 1476). Allievo e successore (1461) del Purbach a Vienna, venne in Italia per completare la sua cultura di astronomo e, al seguito del cardinale Bessarione, celebre erudito greco, viaggiò alla ricerca di antichi testi matematici (a lui si deve, tra l'altro, il ritrovamento dell'Aritmetica di Diofanto). Dopo vari trasferimenti (Vienna, Budapest) si stabilì a Norimberga, dove con B. Walther compì osservazioni meridiane e determinò le posizioni della cometa del 1472, poi detta di Halley. Sempre a Norimberga fondò una stamperia nella quale pubblicò uno dei primi calendari completi con dati astronomici sulle posizioni del Sole e della Luna, eclissi e feste mobili, nonché le Ephemerides ab anno 1475 ad annum 1506, molto utili ai navigatori dei sec. XV e XVI. Ottimo conoscitore dei testi greci, studioso di Euclide e Tolomeo, condusse a termine una rigorosa traduzione latina dell'Almagesto, iniziata dal suo maestro Purbach, ed espose il sistema tolemaico in un'opera dal titolo Epitome in Almagestum (pubblicata postuma nel 1496). Si interessò anche di matematica e compose un grande trattato di trigonometria piana e sferica dal titolo De triangulis omnimodis (postumo, 1533). Nel 1475 tornò a Roma, chiamato da papa Sisto IV per preparare la riforma del calendario e ivi morì prematuramente.

Media


Non sono presenti media correlati