Questo sito contribuisce alla audience di

Rioja, Francisco de-

poeta spagnolo (Siviglia 1583-Madrid 1659). Fu amico dei maggiori scrittori della sua età, da Cervantes a Lope de Vega. Anche se la critica recente gli ha tolto la paternità, lungamente attribuitagli, di due capolavori della poesia dell'epoca (la Canción a las ruinas de Itálica e la Epístola moral a Fabio), le poesie sicure di Rioja gli assicurano un posto di spicco fra i lirici andalusi dell'età manieristico-barocca. Poeta minore, ma di squisita eleganza formale, ha un profondo e malinconico sentimento della natura e della caducità della vita, che si esprime in alcune perfette liriche sui fiori (A la rosa, Alla rosa; Al clavel, Al garofano; A la arrebolera, Alla bella di notte; Al jazmín, Al gelsomino) e in gravi e nobili canzoni moraleggianti (A la riqueza, Alla ricchezza; A la pobreza, Alla povertà; ecc.).

Media


Non sono presenti media correlati