Questo sito contribuisce alla audience di

Rolling Stones, The

complesso rock inglese formato da Mick Jagger (Dartford 1943), Keith Richard (Dartford, 1943, chitarra), Brian Jones (Cheltenham, 1942-Hertford, 1969 sax e chitarra), Bill Wyman (Londra, 1936, basso), Charlie Watts (Londra, 1941, batteria). Fondato (1963) da Jagger e Richards, ebbe rapido successo con uno stile che si ispirava al rhythm and blues nero americano sia nelle inflessioni e nella tensione gridata del canto, sia nell'accompagnamento, ritmato, basato sul timbro fragoroso delle chitarre elettriche. Il gruppo divenne il contraltare “maledetto” dei più “perbenisti” Beatles, per i loro riferimenti, nei testi delle canzoni, a stupefacenti e sesso, esaltati dalla spregiudicata teatralità di Jagger. Dal 1969, con l'abbandono (e poi la scomparsa) di Brian Jones, Jagger è divenuto sempre più l'uomo-simbolo dei Rolling Stones e della loro caparbia sopravvivenza in un mondo che esalta e brucia i suoi idoli in pochi mesi. Il loro album d'esordio (Rolling Stones, 1964), rielabora classici del rhythm and blues, come I Just Want To Make Love To You di Willie Dixon e Carol di C. Berry. È con il singolo (I Can't Get No) Satisfaction del 1965 che si impongono a livello internazionale. Seguono una serie di album che li trasformano nel gruppo più popolare della storia del rock, grazie allo spirito di trasgressione che incarnano e alle ballate che compongono (As Tears Go By, Let's Spend The Night Together, Angie). Nel corso degli anni Ottanta la creatività dei Rolling Stones si appanna, anche per effetto delle tensioni fra Jagger e Richards. L'unione del gruppo però non si incrina, come dimostrano Dirty Work (1986), Steel Wheels (1989), Voodoo lounge (1994), Bridges to Babylon (1997). La band nel 2005 ha pubblicato l'album A bigger band.

Media


Non sono presenti media correlati