Questo sito contribuisce alla audience di

Rossétti, Giórgio Giacinto

ceramista italiano (sec. XVIII). Fu attivo prima a Lodi poi a Torino (dal 1737), dove già operavano lo zio Giorgio e il fratello Giovanni Battista, e dove aprì una manifattura di maioliche a imitazione di Rouen e di Moustiers, che nel 1743 riuscì a produrre anche della porcellana. Artista di ricca personalità, introdusse in Italia lo stile “alla Bérain”, caratterizzato da arabeschi, viticci, festoni, che impiegò accanto ad altri tipi di decorazione quali le vedute paesistiche e le cineserie monocrome.

Media


Non sono presenti media correlati