Questo sito contribuisce alla audience di

Ségur, Louis-Philippe, cónte di-

diplomatico francese (Parigi 1753-1830). Figlio di Philippe-Henri, amico di Voltaire, parente di Lafayette, nel 1782 si recò negli Stati Uniti dove combatté sino alla fine della guerra di indipendenza. Dal 1784 al 1789 fu ambasciatore a Pietroburgo dove fu molto stimato da Caterina II. Non altrettanto positive furono invece le sue missioni a Roma e a Berlino (1791-92). Consigliere di stato (1802), senatore (1813), aderì alla Restaurazione ma tornò con Napoleone durante i Cento Giorni. Ottenne tuttavia il condono nel 1819. Scrisse opere teatrali che furono rappresentate a Pietroburgo al teatro dell'Hermitage (Les deux génies ou Le faux et le vrai bonheur, 1781; I due geni ovvero la falsa e la vera felicità) e poi pubblicate a Parigi nella raccolta in 2 vol. Théâtre de l'Hermitage. Ségur rappresentò altri testi teatrali a Parigi (Les revenants, 1798; Gli spettri), alcuni dei quali scritti in collaborazione. Tra le sue opere storiche è notevole il Tableau historique et politique de l'Europe de 1786 à 1796 (1801). Il fratello Joseph-Alexandre (Parigi 1756-Bagnères-de-Bigorres, Hautes Pirenées, 1805) fu autore di romanzi, racconti, saggi e di alcune commedie di piacevole intreccio, rappresentate con successo alla Comédie Françaisealtri teatri parigini, tra cui Rosaline et Floricourt ou Les caprices (1787).

Media


Non sono presenti media correlati