Questo sito contribuisce alla audience di

San Pancràzio Salentino

comune in provincia di Brindisi (32 km), 62 m s.m., 55,88 km², 10.551 ab. (sampancraziesi), patrono: san Pancrazio (12 maggio).

Centro del Salentosettentrionale, situato nel Tavoliere di Lecce. Feudo dal sec. XIII (e fino al 1839) dei vescovi di Brindisi, nel 1221 fu quasi spopolato a causa delle incursioni saracene; nel 1461 vi si insediò una colonia albanese. Nel 1547 fu devastato dai Turchi, che ridussero in schiavitù quasi tutti gli abitanti, deportandoli in Turchia.§ Il castello Monaci (sec. XII e riedificato nel 1221), residenza dell'arcivescovo di Brindisi, fu più volte rimaneggiato. La chiesa di Sant'Antonio, già matrice (sec XIII-XV), custodisce un affresco che ricorda i tragici avvenimenti del 1547.§ L'agricoltura produce olive, uva da vino (salice salentino e aleatico di Puglia DOC), frutta e cereali; sono attive aziende nei settori edile, impiantistico e della lavorazione dei metalli. Sono praticati l'allevamento di ovini e caprini e l'artigianato (legno, pietra leccese e ferro battuto).

Media


Non sono presenti media correlati