Questo sito contribuisce alla audience di

Santa Marìa di Licodìa

comune in provincia di Catania (27 km), 442 m s.m., 26,23 km², 6760 ab. (licodiesi), patrono: san Giuseppe Patriarca (ultima domenica e lunedì di agosto).

Centro situato sull'orlo di un ripiano basaltico inciso dal vallone di Licodia, sulle pendici sudoccidentali dell'Etna, nel cui parco regionale è compreso. Il borgo si formò intorno all'omonimo monastero benedettino, fatto edificare nel 1143 da Simone di Policastro, nipote di Ruggero il Normanno. § Nell'antica abbazia benedettina, che risale ai sec. XII-XIV ma si presenta nelle forme del rifacimento secentesco, ha sede il municipio. L'annessa chiesa madre conserva il campanile del 1154. § L'economia si basa sulla produzione di agrumi, uva da vino (etna DOC), olive e fichi d'India, sull'allevamento e su alcune aziende attive nei settori alimentare (lavorazione dei prodotti agricoli), della lavorazione dell'argilla e dei materiali da costruzione.