Questo sito contribuisce alla audience di

Saratov (provincia)

(Saratovskaja oblast’). Provincia della Russia occidentale, 100.200 km², 2.608.315 ab. (stima 2006), 26 ab./km², capoluogo: Saratov. Confini: province di Orenburg, Penza, Samara, Tambov, Uljanovsk, Volgograd e Voronež; Kazakistan (SE).

Il territorio si estende nel settore sudorientale della parte europea del Paese, su una regione prevalentemente pianeggiante attraversata dal basso corso del fiume Volga, che qui alimenta il bacino di Caricyn, e dai fiumi Medvedica e Karaman. Sul territorio, due grandi riserve idriche (Saratov e Volgograd) e più di 120 parchi naturali (Parco Nazionale Hvalynskij). La vegetazione comprende zone di steppa, di foreste steppose e di semi-deserto. Il sottosuolo è ricco di gas naturale, petrolio, torba e materiali da costruzione (fosforiti, argille, sabbie, gesso, ghiaia ecc.). Il clima è di tipo continentale. Risorse economiche per gli abitanti (russi, kazachi, ucraini, tatari, armeni) sono l'agricoltura (cereali, semi oleosi, lino, ortaggi), l'allevamento e lo sfruttamento del sottosuolo; le industrie (petrolchimiche, energetiche, ingegneristiche, del legno) sono ubicate nel capoluogo e nelle città di Engels, Balakovo, Balašov, Volsk, Rtiščevo e Pugačev. Saratov è uno dei più importanti porti sul Volga ed è servito da tre aeroporti. § Le terre dell'attuale provincia subirono il dominio dell'Orda d'Oro e in seguito della Grande Orda (sec. XIII-XV ). Il capoluogo fu fondato nel 1590, dopo la riconquista russa, come fortezza difensiva; nel 1782 fu istituita la Provincia di Saratov. Nel villaggio di Smelovka un obelisco ricorda l'atterraggio, avvenuto in questo luogo, dell'astronauta Juri Gagarin dopo il primo volo nello spazio.