Questo sito contribuisce alla audience di

Saturnino, Lùcio Apulèio

(Lucíus Apuleíus Saturnīnus). Uomo politico romano della fine del sec. II a. C. Questore a Ostia nel 104 a. C., entrò in dissenso con il Senato che gli aveva tolto la sovrintendenza dei rifornimenti di grano a Roma. Tribuno della plebe nel 103, promosse leggi che contemplavano la distribuzione di terre ai veterani di Caio Mario: sua è la legge, nota appunto come Lex Apuleia, con la quale si rendevano le frumentationes quasi gratuite. A causa del grave onere sostenuto dall'erario, però, questa legge venne quasi subito abrogata. Nel 99, in seguito all'uccisione dell'ottimate Caio Memmio, rivale politico di Gaio Servilio Glaucia, col quale Saturnino si era unito nel promuovere leggi rivoluzionarie, scoppiarono in Roma dei tumulti; Mario, console in quell'anno, dovette assumersi la responsabilità di ristabilire l'ordine. Nella repressione che ne seguì trovò morte lo stesso Saturnino con Glaucia.

Media


Non sono presenti media correlati