Questo sito contribuisce alla audience di

Schmerling, Philippe-Charles

antropologo (Delft 1791-Liegi 1836). In un'opera pubblicata nel 1833, Recherches sur les ossements fossiles des cavernes de la province de Liège, spiegò in senso tecnico che alcuni esemplari di selci lavorate trovate in diversi giacimenti fossiliferi erano opera di un uomo da lui definito “antidiluviano”; come ulteriore sostegno alle sue idee portò il cranio fossile di un bambino da lui scoperto nella grotta di Engis (presso Liegi) che, cento anni più tardi, fu attribuito allo stadio neandertaloide.

Media


Non sono presenti media correlati