Questo sito contribuisce alla audience di

Segarèlli, Gerardo

riformatore religioso (m. 1300). Condusse da giovane vita eremitica, seguendo la via mistica francescana e più precisamente nell'interpretazione data da Gioachino da Fiore sulla venuta dello Spirito Santo. Nel desiderio intenso di rivivere la vita degli Apostoli (i suoi seguaci si chiamarono appunto “apostolici”), distribuì tutti i suoi beni e andò predicando il rinnovamento cristiano in opposizione alla Chiesa di Roma “carnale e adulterata”. Per queste intemperanze il vescovo di Parma lo imprigionò, il papa gli inflisse la scomunica e venne arso sul rogo.

Media


Non sono presenti media correlati