Questo sito contribuisce alla audience di

Semprònio, Giovàn Leóne

poeta italiano (Urbino ca. 1603-1646). Marinista, accentuò i temi consueti dell'ingegnosità barocca, insistendo sul motivo della presenza, nella bellezza, di note disarmoniche: La bella zoppa, La bella balba, La bella lentigginosa, La bella nana, sono i titoli delle più note poesie della raccolta del 1635 La selva poetica. Sempronio si cimentò inoltre nel poema eroico (Il Boemondo o Antiochia difesa, postumo, 1651), fedele al modello tassiano e, con la tragediaIl conte Ugolino (postumo, 1724), fornì un testo significativo del teatro dell'orrore, di gusto senechiano.

Media


Non sono presenti media correlati