Questo sito contribuisce alla audience di

Serino

comune in provincia di Avellino (14 km), 416 m s.m., 52,17 km², 7041 ab. (serinesi), patrono: san Francesco d'Assisi (4 ottobre).

Centro esteso nell'alta valle del fiume Sabato, in una zona ricca di boschi compresa nel Parco Regionale dei Monti Picentini; sede comunale è Sala. Parte del Principato di Salerno (sec. IX), ebbe vari feudatari, ultimi dei quali furono i Caracciolo. Fu duramente danneggiato dal terremoto del 1980.§ A Serino il convento di San Francesco (sec. XIII) conserva nel chiostro secentesco affreschi attribuiti a F. Ricciardi. La chiesa di San Lorenzo, nella frazione di Canale, custodisce opere di F. Guarini. Nei dintorni sono i resti attribuiti alla favolosa Sabatia (in realtà reperti di epoca altomedievale).§ Si coltivano viti, ortaggi, frutta (ciliegie) e nocciole e si raccolgono castagne (rinomati i marroni); è praticato l'allevamento bovino. L'industria opera nei settori alimentare (salumi e formaggi), conciario e della lavorazione dei metalli. È frequentata meta di turismo invernale (sci sul monte Terminio) ed estivo.§ A Canale nacque il pittore Francesco Solimena (1657-1747). Nei pressi sono le sorgenti che alimentano l'Acquedotto del Serino, che rifornisce Napoli e molti altri comuni campani.

Media


Non sono presenti media correlati