Questo sito contribuisce alla audience di

Skípis, Sotíris

poeta greco (Larissa 1881-Atene 1952). Dopo viaggi in Egitto, Turchia, Russia, America, visse sino al 1904 a Parigi, dove respirò l'aria del simbolismo francese (fu amico e traduttore di J. Moréas), senza tuttavia che questa esperienza lasciasse profonde tracce nelle sue molte sillogi poetiche (1900-50), poi confluite nei due volumi di Fonte Castalia. La vena d'ispirazione ellenica (amore per la natura, la libertà, l'armonia) resta predominante nei suoi versi musicali, notevoli per duttilità metrica. Fu direttore e collaboratore del periodico Akritas (1904-06), espressione della generazione letteraria del 1880.

Media


Non sono presenti media correlati