Questo sito contribuisce alla audience di

Sporminóre

comune in provincia di Trento (26 km), 515 m s.m., 17,49 km², 680 ab. (sporminorensi o sporesi), patrono: Beata Vergine Addolorata (15 settembre).

Centro posto alla destra del torrente Noce. Compreso nell'Anaunia, possesso dei principi-vescovi di Trento, fu feudo degli Spaur. Seguì poi le vicende storiche di Spormaggiore.§ Nel borgo sorgono la chiesa dell'Addolorata (sec. XIII-XV), dal bel portale rinascimentale in pietra, e il palazzetto degli Spaur (sec. XV e XVI), casa gentilizia con torre che fu dei conti. Nei pressi dell'abitato s'innalzano le imponenti rovine di castel Sporo, edificato dagli Spaur nei sec. XII-XIV, di cui rimane visibile solo la maestosa torre pentagonale.§ L'agricoltura produce mele, pere, uva, frutti di bosco e foraggi; praticato l'allevamento bovino, che alimenta una vivace attività lattiero-casearia (grana trentino). Rilevante il turismo naturalistico ed escursionistico: il territorio è parte integrante del Parco Naturale Adamello-Brenta.

Media


Non sono presenti media correlati