Questo sito contribuisce alla audience di

Stuckenberg, Viggo

poeta, narratore e drammaturgo danese (Vridsløselille 1863-Copenaghen 1905). Compose liriche di varia intonazione: le raccolte L'estate fugace (1898) e Neve (1901), di gusto simbolista, alternano toni di delicato lirismo a note angosciose intorno al tema dominante dell'amore. Come prosatore Stuckenberg può giustamente considerarsi un seguace di J. P. Jacobsen. In Scaturire (1888) Stuckenberg penetra mirabilmente nell'animo di un adolescente senza volontà, cercando di capire il suo mondo. Altre opere: i drammi Il cacciatore feroce (1894) e Scene romane (1895), i racconti Il corvo di Odin (1896), Sole (1897), Asmodeus (1899).

Media


Non sono presenti media correlati