Questo sito contribuisce alla audience di

Svalbard

territorio insulare norvegese (62.700 km²) nel Mar Glaciale Artico, costituito dall'arcipelago delle Svalbard e dall'isola degli Orsi (Bjørnøya). Le Svalbard comprendono le isole Spitzbergen (Spitsbergen; 39.435 km²), Terra di Nord-Est (Nordaustlandet; 14.789 km²), Edge (Edgeøya; 5030 km²), Barents (Barentsøya; 1331 km²), Prins Karls Forland (629 km²), Kong Karls Land (332 km²), Kvitøya (265 km²), Hopen (60 km²) e numerosi isolotti e scogli adiacenti . Il territorio, aspro e inciso da fiordi, culmina a 1717 m nel Newtontoppen, sull'isola di Spitzbergen. Il clima è freddo (temperatura media annua inferiore a 0 ºC) ma attenuato da un ramo della corrente calda di deriva nordatlantica. Le isole, ricoperte dalla tundra artica e dai ghiacci, che bloccano i porti per ca. 9 mesi all'anno, sono immerse nella notte polare per quasi un terzo dell'anno, mentre il sole di mezzanotte è visibile per 127 giorni consecutivi. Le principali risorse della popolazione, costituita da norvegesi e russi, sono la pesca, la caccia alla balena e agli animali da pelliccia, lo sfruttamento del sottosuolo (carbone) e il turismo. I centri più importanti sono Longyearbyen (il capoluogo), Barentsburg e Grumantbyen, tutti sull'isola di Spitzbergen. Le isole, scoperte dai Vichinghi nel sec. XII, furono riscoperte da W. Barents nel 1596. Nel 1920 il Trattato di Parigi le assegnò alla Norvegia, che ne prese possesso nel 1925.

Media


Non sono presenti media correlati