Questo sito contribuisce alla audience di

Terravècchia

comune in provincia di Cosenza (122 km), 472 m s.m., 20,27 km², 1135 ab. (terravecchiesi), patrono: Santa Maria del Carmine (martedì dopo Pasqua).

Centro situato alla sinistra del fiume Nicà. Di origine medievale, fu per lungo tempo legato a Cariati, di cui fu casale. Nei secoli successivi appartenne a diverse famiglie tra cui i Ruffo, i Borgia e gli Spinelli.§ Nella chiesa dell'Addolorata si conservano un crocifisso in legno del Seicento e un tabernacolo del sec. XVII, mentre la parrocchiale di San Pietro in Vincoli custodisce una croce d'argento del sec. XVIII, un crocifisso ligneo e la statua dell'Addolorata del sec. XVI. A poca distanza dell'abitato sorge l'area archeologica di Prujia, antico centro fortificato (sec. IV-III a. C.). § L'agricoltura produce cereali, olive e frumento; è praticato l'allevamento (bovini, ovini). Numerosi sono i frantoi per la produzione dell'olio. Rinomato l'artigianato dei tessuti a mano con motivi orientali.

Media


Non sono presenti media correlati