Questo sito contribuisce alla audience di

Zizìm

nome con cui è noto in Occidente il principe ottomano Gem (Adrianopoli 1459-presso Capua 1495). Figlio di Maometto II, alla morte del padre (1481) tentò di contrastare l'ascesa al trono del fratello maggiore Bāyazīd II. Sostenuto dal gran visir Mehmed Karamani, riuscì a occupare Bursa, ma fu poi vinto e dovette riparare (1481) in Egitto. Zizim tornò all'attaccò in Cilicia (1482); sconfitto si rifugiò a Rodi, ma il Gran Maestro dell'Ordine di San Giovanni lo spedì in Francia dove rimase sette anni, ostaggio ambito da tutte le potenze antiottomane d'Europa. Il re di Francia lo consegnò (1489) a papa Innocenzo VIII, che lo tenne in cortese prigionia. Più tardi (1495) Zizim seguì la spedizione di Carlo VIII in Campania dove trovò la morte in circostanze misteriose.

Media


Non sono presenti media correlati