Questo sito contribuisce alla audience di

al-Farazdaq

poeta arabo (ca. 641-ca. 730). Figura tipica di cortigiano, alternativamente in favore e in disgrazia, celebrò e insultò con abilità consumata i califfi del ramo omayyade dei Marwanidi. Il suo dīvān (ca. 8000 versi), che contiene per lo più liriche d'occasione, è lo specchio di una società e di un secolo in chiave decisamente satirica.

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti