Questo sito contribuisce alla audience di

azzeraménto

sm. [da azzerare].

1) In metrologia, è la regolazione che ha lo scopo di portare l'indice di uno strumento di misura sullo zero. L'operazione si rende necessaria perché la posizione di zero non si mantiene costante nel tempo o per cause accidentali o perché si cambiano gli elementi o le scale dello strumento. In particolare, metodo di azzeramento o metodo di zero, metodo di misurazione in cui il valore della grandezza ignota viene dedotto in base ai valori assunti da altre grandezze quando l'indice di uno strumento, opportunamente collegato con le suddette grandezze, ha deflessione nulla. Il metodo di azzeramento è applicato, per esempio, nelle misurazioni con il ponte di Wheatstone.

2) In informatica, azzeramento del calcolatore, rimessa del calcolatore allo stato di funzionamento iniziale (vedi reset); riferito alla memoria, o a un registro, consiste nell'operazione intesa a far contenere in ogni posizione della memoria, o del registro, la rappresentazione convenzionalmente assunta per il valore zero.

3) In elettronica, si chiama azzeramento di un amplificatore l'operazione consistente nell'agire su alcuni elementi dell'amplificatore per fare in modo che il segnale di uscita sia nullo quando è nullo il segnale di entrata. L'azzeramento deve essere eseguito periodicamente per correggere la deriva dell'amplificatore.