Questo sito contribuisce alla audience di

borreliòsi

sf. [da Borrelia]. Gruppo di malattie infettive esotiche causate da microrganismi filiformi del genere Borrelia, che si trasmettono mediante pidocchi o acari, per puntura o per schiacciamento dell'animale sulla pelle e successiva penetrazione attraverso una piccola abrasione. La caratteristica principale di queste malattie è l'alternarsi di periodi di febbre e di apiressia, per vari episodi consecutivi: gli attacchi febbrili durano qualche giorno e poi scompaiono rapidamente, per recidivare dopo circa una settimana dall'attacco primitivo. Tali ricadute sono legate allo sviluppo ciclico dei parassiti che periodicamente vengono immessi nel sangue. La borreliosi è diffusa nell'Africa tropicale, in Medio Oriente e in America ed è curabile con antibiotici (tetracicline) a dosi piene; la migliore profilassi consiste nella protezione dai vari vettori.

Media


Non sono presenti media correlati