Questo sito contribuisce alla audience di

cantóre

sm. [sec. XIII; dal latino cantorris].

1) Chi canta, di solito nei cori operistici o nelle chiese. In quest'ultimo caso il termine assume sfumature diverse nelle varie confessioni religiose. Nel rito cattolico il cantore ha il preciso compito di intonare i canti e il suo comportamento durante le funzioni segue norme assai precise. Nella confessione luterana il cantore (Kantor) è la persona che, nelle chiese più importanti, sovrintende a tutte le manifestazioni musicali sacre, fungendo da compositore, maestro di cappella, istruttore e direttore del coro.

2) Ant. nel senso più generico di cantante di professione. Il f. cantóra è di uso popolare, e per lo più sostituito da cantatrice o cantante.

3) Lett., chi canta in versi di qualche personaggio o argomento, poeta: il cantore di Beatrice, Dante.

Collegamenti