Questo sito contribuisce alla audience di

clorato

sm. [sec. XIX; da clorico]. Sale dell'acido clorico. I clorati dei metalli alcalini si formano facendo agire il cloro sulle soluzioni calde degli idrossidi alcalini: in queste condizioni essi prendono origine dalla decomposizione degli ipocloriti che inizialmente si formano: 3NaClO —→ 2NaCl+NaClO₃. Su scala industriale il clorato di potassio, KClO₃, e il clorato di sodio, NaClO₃, che sono quelli più comunemente usati, si ottengono per via elettrolitica, cioè per ossidazione anodica di una soluzione di cloruro di sodio; il clorato di potassio, meno solubile di quello di sodio, cristallizza aggiungendo un sale di potassio alla soluzione di clorato di sodio ottenuta dall'elettrolisi. I clorati sono energici ossidanti: riscaldati verso i 300 ºC si decompongono in perclorati, cloruri e ossigeno. Riscaldandoli a secco in miscela con sostanze organiche deflagrano. Forti quantità di clorato sono impiegate nei processi di sbianca e nella produzione di fiammiferi, esplosivi e fuochi d'artificio. § Il clorato di potassio per la sua azione battericida viene spesso adoperato in medicina, in compresse o per gargarismi, come blando disinfettante del cavo orale. A dosi elevate esso può tuttavia provocare gravi avvelenamenti, che non di rado si hanno anche per ingestione accidentale o suicidiaria della sostanza. A dosi tossiche, il clorato di potassio ha azione fortemente irritante sul tratto gastrointestinale. Una volta assorbito provoca inoltre distruzione dei globuli rossi, alterazioni dell'emoglobina, gravi disturbi della funzione renale.

Media


Non sono presenti media correlati