Questo sito contribuisce alla audience di

conformismo

sm. [sec. XX; da conforme]. Comportamento regolato da norme, ruoli prescritti, consensi di un gruppo del quale un individuo è membro. Si tratta di una tendenza generale da parte di un individuo a sottomettersi alla pressione sociale. Ordinariamente, il conformismo assicura un buon funzionamento del gruppo e dell'intero sistema sociale, in quanto consente a ogni membro di prevedere i comportamenti degli altri; non di rado però il conformismo, generando resistenze nei confronti di ogni innovazione, diviene causa di disfunzioni. Del conformismo si è occupata soprattutto la psicologia sociale statunitense e in particolare D. Krech e R. S. Crutchfield; secondo tali autori esso rappresenta una concessione del giudizio individuale alla pressione di gruppo, che scaturisce da un conflitto fra l'opinione individuale e quella del gruppo di appartenenza. Dal punto di vista clinico è stata evidenziata la sussistenza, nella personalità dell'individuo conformista, di limitazioni evidenti nella percezione dei propri tratti personali e nella possibilità di identificarsi con il punto di vista altrui.

Collegamenti