Questo sito contribuisce alla audience di

irredentismo

sm. [sec. XIX; da irredento]. Movimento diretto a perseguire l'unione alla madrepatria dei territori italiani rimasti soggetti all'Austria dopo il 1866. Di fronte all'evidente propensione della classe dirigente a trascurare il problema per la necessità di instaurare buoni rapporti con l'Austria e di non turbare la pace europea, esso rimase sino alla fine del secolo patrimonio quasi esclusivo della sinistra estrema (mazziniani, democratici e garibaldini). Tenuto vivo da numerose associazioni, tra cui famose la Lega Nazionale, l'Associazione in pro dell'Italia Irredenta (1877) e la Pro Patria (1885), l'irredentismo diede luogo a numerose manifestazioni clamorose che nel 1882 culminarono nell'eroica protesta di G. Oberdan contro la stipulazione della Triplice Alleanza. Mentre Crispi scioglieva l'Irredenta e altre associazioni minori per non inimicarsi il recente alleato, l'Austria tentava allora la carta della questione sociale contrapponendo nei territori contesi l'elemento slavo del contado alla borghesia prevalentemente italiana delle città. La manovra non raggiunse che parzialmente il suo scopo, ma l'irredentismo entrò in un'innegabile fase di stasi. Con l'inizio del secolo (1903: fondazione della società Trento e Trieste) le cose mutarono però radicalmente. Anche la facoltosa borghesia, resasi conto dei vantaggi dell'unione all'Italia di Trieste (trascurata dall'Austria per i porti del Nord) e delle possibilità di penetrazione nei Balcani, si accostò al movimento con spirito e impegno nuovo. Ma il vecchio irredentismo popolare e patriottico, pur non perdendo del tutto i suoi caratteri idealistici, ne uscì irrimediabilmente snaturato: si colorò presto, infatti, di desiderio di potenza e di dominio sull'Adriatico, di un confuso imperialismo che trovò poi di lì a poco il suo sbocco e la sua giustificazione nella nascita del nazionalismo (1910).

Bibliografia

L. Bissolati, La politica estera dal 1897 al 1920, Milano, 1922; G. Castellini, Trento e Trieste, Milano, 1925; B. Coceani, Riccardo Zampieri. Mezzo secolo di lotte a Trieste per l'unità italiana, Milano, 1961; V. Zangrandi, Irredentismo e nazionalismo, Roma, 1980.

Media


Non sono presenti media correlati