Questo sito contribuisce alla audience di

mordenzatura

sf. [da mordenzare].

1) Tecnica di applicazione di un colorante che non abbia affinità diretta con fibre animali o vegetali, basata sull'utilizzo di un sale metallico solubile in acqua come mezzo di “aggancio” alla fibra. Per la verniciatura del legno si usano coloranti al mordente già pronti che vengono spalmati con un pennello o un tampone di cotone; per la tintura di fibre tessili, queste vengono immerse in idonei bagni e portate all'ebollizione. Come mordente sono usati soprattutto sali metallici che idrolizzino rapidamente e reagiscano con il colorante formando una lacca insolubile (in particolare sali di cromo, rame, stagno, antimonio, alluminio e ferro); come coloranti si adoperano derivati antrachinonici (tra cui l'alizarina), oxoazinici, azo; come addittivi acetati basici, per accelerare la formazione della lacca, lattati per ritardarla e ossalati, tartrati e citrati per renderla incompleta. Per i bagni di mordenzatura vi sono tre metodi, per esempio usando una tintura al cromo: precipitazione iniziale del mordente (bicromato di sodio) sulla fibra e successiva immersione della stessa nel bagno di colorante insieme con una sostanza riducente (acido ossalico) per prevenire l'ossidazione (metodo al cromo ridotto); applicazione contemporanea del mordente (cromato di sodio) in presenza del solfato d'ammonio e del colorante, tecnica meno usata delle altre per la minor brillantezza dei colori (metodo metacromo); applicazione iniziale del colorante seguita dal mordente (bicromato di sodio), per lo più usato per i colori blu e nero (metodo post-cromo).

2) Tecnica di lavorazione di lastre metalliche per stampa, detta anche morsura, mediante la quale la superficie viene intaccata per azione di solventi chimici. Le parti che non si vogliono intaccare vengono protette con opportune resine o altri materiali, per cui con la mordenzatura si ottengono gli elementi stampati in rilievo (rilievografia) o in incavo (incavografia). È detta mordenzatura anche il lieve approfondimento delle parti stampanti nelle lastre offset positive.