Questo sito contribuisce alla audience di

pestani, vasi-

complesso omogeneo di vasi a figure rosse prodotti da officine di Paestum, che occupano un posto notevole nell'ambito della ceramica italiota; la loro datazione si colloca tra il 360 e il 300 a. C. circa. La forma più tipica di questi vasi è il cratere a campana, ma non mancano idrie, oinochóai e lebeti. I maggiori nomi di ceramografi sono Assteas, Pitone e il Pittore di Afrodite. Un gruppo caratteristico di vasi pestani è quello detto “apulizzante” per gli evidenti influssi della ceramografia tardoapula.