Questo sito contribuisce alla audience di

prostatectomìa

sf. [da prostata+greco ektomḗ, resezione]. Intervento chirurgico di asportazione totale o parziale della prostata. È indicata nei casi di ipertrofia e di adenoma prostatico, condizionanti crisi ricorrenti di ritenzione acuta urinaria, complicazioni settiche della vescica e dei reni per la necessità di tenere permanentemente il catetere, ecc.; non sempre è indicata nei casi di carcinoma. Le vie di accesso più comuni sono: la via ipogastrica, la via perineale e quella transuretrale per via endoscopica. Quest'ultima è molto utilizzata perché poco traumatizzante e perché richiede un ricovero più breve.