Questo sito contribuisce alla audience di

pàncreas

organo ghiandolare in parte esocrino, in parte endocrino; è disposto trasversalmente nella parte superiore della cavità addominale, tra l'ansa del duodeno e la milza, dietro lo stomaco. Ha corpo allungato e sensibilmente appiattito, in cui possono distinguersi una porzione più grossa e spessa (testa) a contatto con il duodeno, una parte intermedia (corpo) e un tratto terminale assottigliato (coda) in rapporto con l'ilo della milza. Il pàncreas è composto da due differenti strutture corrispondenti a due funzioni: esocrina ed endocrina. La funzione esocrina consiste nella produzione di enzimi digestivi da immettere nel tubo digerente, ed è garantito da una ghiandola acinosa composta dotata di un sistema di dotti escretori non secernenti, che costituiscono un albero di canali convergenti nei dotti pancreatico principale (dotto di Wirsung) e pancreatico accessorio (dotto di Santorini), i quali, lasciato il pàncreas, raggiungono il duodeno, dove scaricano il succo. La struttura endocrina è costituita da piccoli ammassi di cordoni e cellule epiteliali (isole pancreatiche, o di Langerhans), siti nel tessuto interstiziale della porzione esocrina, e producenti insulina e glucagone, riversati poi nel circolo sanguigno. La vascolarizzazione del pàncreas è garantita dalle arterie pancreatico-duodenali e dai rami pancreatici dell'arteria splenica, mentre il sangue refluo è raccolto dalle vene lienale e mesenteriche, che lo riversano nella vena porta; vasi linfatici formano una rete perilobulare. I nervi del pàncreas giungono dai plessi periarteriosi del plesso celiaco.

Media

Sezione del pancreas. Glucagone e insulina.Le due strutture del pancreas.
Isole di Langerhans al microscopio.Tabella delle malattie del pancreas.

Autodiagnosi

Risali alla possibile malattia partendo dai sintomi o, al contrario, scopri quali sintomi comporta una determinata patologia.

Vai alla sezione Autodiagnosi