acetilcolina

molecola derivata dall'unione (esterificazione) della colina con l'acido acetico, in seguito all'azione di un enzima detto esterasi. L'acetilcolina interviene, come mediatore chimico della trasmissione degli impulsi nervosi (detta in tal caso trasmissione colinergica), in molteplici punti del sistema nervoso centrale e periferico.
La trasmissione colinergica
L'acetilcolina viene immagazzinata in vescicole nella terminazione presinaptica; quando arriva l'impulso elettrico le vescicole si abboccano alla membrana presinaptica e l'acetilcolina viene liberata in uno spazio detto sinaptico. A questo punto l'acetilcolina può andare a occupare i recettori situati sulla membrana postsinaptica, depolarizzandola e dando il via alla formazione di un potenziale d'azione nella fibra nervosa o nella fibra muscolare che ha stimolato. In corrispondenza delle terminazioni colinergiche agisce un enzima altamente specializzato, noto come acetilcolinesterasi, in grado di scindere il legame di estere tra l'acetilcolina e l'acido acetico e di interrompere la trasmissione dell'impulso nervoso. L'acetilcolinesterasi in questo modo rende liberi e nuovamente disponibili a captare acetilcolina i recettori postsinaptici. In condizioni di riposo esiste una liberazione detta basale di acetilcolina, insufficiente però a provocare l'effetto appena descritto. La trasmissione colinergica interessa: la giunzione neuromuscolare (placca motrice) della muscolatura volontaria; le fibre postgangliari parasimpatiche destinate a cellule effettrici del sistema nervoso vegetativo (dirette alla muscolatura liscia dei visceri, al sistema di conduzione cardiaco); le fibre autonome pregangliari destinate a cellule simpatiche e parasimpatiche e a cellule della midollare del surrene; le giunzioni delle fibre nervose di porzioni di sistema nervoso centrale (putamen, amigdala, ippocampo). Pare accertato che la condizione di invecchiamento cerebrale sia accompagnata da riduzione del sistema colinergico presinaptico, senza che quest'ultimo costituisca causa certa della prima. Difficile impiegare l'acetilcolina in terapia, in quanto ha effetti diversi, a seconda del distretto in cui agisce, e comunque fugaci. Effetti simili possono invece essere prodotti da sostanze capaci di stimolare i recettori colinergici (parasimpaticomimetici) o di bloccare l'azione della acetilcolinesterasi (anticolinesterasici). Parallelamente gli effetti dell'acetilcolina possono essere bloccati da sostanze in grado di legarsi ai recettori colinergici rendendoli indisponibili a captare il segnale trasmesso dall'acetilcolina (anticolinergici); è il caso dei curarici nella placca neuromotrice, o dell'atropina nelle fibre effettrici del sistema nervoso autonomo.

Media

Illustrazione dell'aceticolina.Effetti dei farmaci con acetilcolina.Effetti dei farmaci con acetilcolina.

Autodiagnosi

Risali alla possibile malattia partendo dai sintomi o, al contrario, scopri quali sintomi comporta una determinata patologia.

Vai alla sezione Autodiagnosi