Questo sito contribuisce alla audience di

congelamento

lesione provocata dal freddo su singole parti del corpo; si distingue dall'ipotermia, che comporta un danno generale all'organismo, anche se spesso si accompagna a essa. Il meccanismo con cui l'esposizione al freddo (perfrigerazione) danneggia i tessuti è essenzialmente di carattere circolatorio: il freddo induce infatti una vasocostrizione che riduce l'irrorazione sanguigna dei tessuti. Se l'esposizione al freddo è breve, la vasocostrizione cessa e si instaura una vasodilatazione, con caratteristico senso di formicolio e talvolta di spasmo doloroso. Se invece la perfrigerazione è prolungata l'ischemia provoca degenerazione progressiva dei tessuti fino a, nei casi più gravi, necrosi e gangrena, che possono lasciare cicatrici o rendere necessarie amputazioni. Il congelamento colpisce le parti più esposte al freddo (dita delle mani e dei piedi, naso, guance, orecchie) e viene favorito dall'umidità, dall'esposizione al vento, da indumenti troppo stretti che ostacolino la circolazione. Le lesioni da congelamento sono assai simili a quelle da ustioni, e come queste si distinguono in gradi. Per il primo soccorso è utile iniziare il movimento passivo e quindi attivo degli arti e frizionare delicatamente la parte interessata.

Media

Lesioni da congelamento.

Autodiagnosi

Risali alla possibile malattia partendo dai sintomi o, al contrario, scopri quali sintomi comporta una determinata patologia.

Vai alla sezione Autodiagnosi